mercoledì 13 marzo 2013

"Ganache al miele con thaini e semi di sesamo tostati" per lo Starbooks di Marzo 2013

Quale libro migliore per lo Starbooks di Marzo, mese in cui cade la Pasqua quest'anno, se non uno interamente dedicato al cioccolato...? Il libro è: "Avventure al cioccolato" di Paul A. Young- Ed- De Agostini. La "promotrice" di questo libro è stata Mapi... e non ha fatto nessuna opera di convinzione: non è stato necessario perché siamo tutte golose!!!
Paul A. Young è nativo dello Yorkshire, ed ha esordito come pasticcere al "Criterion" di Londra, con Marco Pierre White. Ha lavorato anche al "Quo Vadis", sempre a Londra. Ma nelle sue vene scorre cioccolato, così ha deciso di dedicarsi esclusivamente a quello... Ora ha due negozi a Londra, e con le sue creazioni "avventurose" ha vinto diversi premi.
Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive sia alla BBC che in altri canali. Con la versione in inglese di questo libro, ha vinto il "World Cookbook Award"... siete pronti ad ad avventurarvi?!?




Che cosa avranno preparato per voi le altre Starbookers?


-Menu Turistico: Chocolate syrup
-La gaia celiaca: Muscovado truffles 
-La chat egoiste: trifle ai quattro cioccolati
-La Apple Pie di Mary Pie: Vinaigrette al cioccolato


Io ho scelto la ricetta che vedete qui sotto, attirata ed incuriosita dalla presenza del sesamo e della thaini: il risultato finale l'ho gradito molto...


 Ganache al miele con thaini e semi di sesamo tostati




Ingredienti per circa 40 dolcetti

50 g di miele di erica o di trifoglio (io ho usato quello di timo)
75 g di tahini (pasta di sesamo tostato)
350 g di cioccolato fondente dei Caraibi al 66%, spezzettato
100 g di semi di sesamo

In una casseruola, portare lentamente ad ebollizione 200 ml di acqua con il miele, unire la thaini e cuocere altri due minuti. Versare il liquido caldo sopra al cioccolato, che avrete raccolto in una ciotola, e lavorate il composto con una frusta fino a renderlo omogeneo. Lasciar raffreddare poi mettere in frigorifero per due ore*. Tostare leggermente i semi di sesamo in una padella antiaderente, finché saranno dorati, quindi fateli raffreddare. Prelevare la ganache dal frigorifero e, usando due cucchiai**, ricavare delle quenelle, che andranno passate nei semi di sesamo, fino a rivestirle completamente. Servire a temperatura ambiente e consumare entro tre giorni.

Note personali

Non impazzite nel cercare proprio il cioccolato dei Caraibi, io l'avevo comprato a Livigno, ma anche un altro cioccolato di qualità andrà benissimo.
* Io ho seguito la ricetta e ho lasciato la ganache due ore in frigorifero, ma dopo questo tempo, non mi è stato possibile formare le quenelle, perché il composto era troppo duro... Ho aspettato finché non sono riuscita a modellarlo con le mani! 
**In questa ricetta ci sono imprecisioni nella traduzione, infatti, nell'edizione inglese, si parla di cucchiaini e non di cucchiai per formare le quenelle. In questo caso, l'imprecisione non influisce sul risultato finale, ma se l'errore fosse stato fatto con gli ingredienti, beh, sarebbe stato più complicato!!!
A mercoledì prossimo con la seconda parte!!!

27 commenti:

  1. mhhhh che meraviglia....mi chiedo se sia possibile impiegare la ganache anche per altri usi, magari per farcire una torta. Bella idea davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seconde me sì... La vedrei bene con un guscio di frolla cotto in bianco con un po' di tahini anche nell'impasto. I semi di sesamo tostati, li metterei sulla superficie della torta, che mangerei rigorosamente a temperatura ambiente :-)

      Elimina
  2. Ahahah... pensa che sono già passata da Mapi e senza sapere che era stata lei a suggerire questo libro l'ho redarguita per questo Starbooks assolutamente deleterio in questo periodo di diete :)
    Non riesco ad immaginare il sapore di questi dolcetti ma so per certo che devono essere assolutamente deliziosi.
    Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Mapi mi avrà sulla coscienza, con tutto il cioccolato che sto mangiando... ma ne vale la pena! La dieta? dopo Pasqua... ;-)
      Grazie e buona settimana

      Elimina
  3. Chissà che sapore particolare. Se finora vi ho lette in silenzio e con Ottolenghi mi avete conquistata, questo mese mi avete davvero rapita! Cioccolato ... che passione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioccolato: passione comune!!! Adesso che sei uscita dal silenzio, non tornarci!

      Elimina
  4. Anche a me intriga molto la presenza della tahine che nel mio frigo non manca mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ultimamente non manca mai pure nel mio!!!

      Elimina
  5. Ah che goduria!!!! La tahini dev'essere da sballo insieme al cioccolato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso la devi provare Mapi... altrimenti ti rimarrà il dubbio :-)))

      Elimina
  6. Non avevo dubbi che fosse stata Mapi a proporlo... ;)
    P.s. quando io ho fatto i bon bon ripresi da questo libro, invece ho avuto problemi a farla addensare... neppure il freezer ci è riuscito... L'unica sfortunata! Però che bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania, ho visto che in questa ricetta, la parte liquida e/o grassa della ganache è decisamente inferiore rispetto ad altre ricette presenti nel libro. Credo sia questo il punto... Sulla bontà non si discute :-)

      Elimina
  7. Il mio tesssssoro!! Li voglio! Sembra che li abbiano inventati pensando a me, ti giuro, non avrei mai potuto pensare a qualcosa che rientri più nei miei gusti! Il tahin è l'amore della mia vita, il cioccolato lo devo dividere con tutte le altre amanti ma quando passa da me mi fa felice quindi... non penso che aspetterò molto prima di farli! Graziegraziegrazie :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora questi dolcetti non puoi farteli sfuggire... Io non avrei mai pensato a mettere insieme thaini e cioccolato, meno male che quel genio di Paul l'ha fatto! Attendo news...

      Elimina
  8. L'ho detto. Questo libro è oltre il semplice concetto di ganache, di glassa, di copertura. E questa ricetta ne è la prova provata.
    Alla fine lo lasceremo con la stessa malinconia con cui abbiamo lasciato Gerusalem. Ma che soddisfazione nel frattempo.
    Stupenda ricetta. Un forte abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' verissimo Patty, ogni ricetta mi fa scoprire e mi insegna qualcosa di nuovo... che meraviglia!
      Un super abbraccio

      Elimina
  9. woowwww e anchequesta mi piace da morire siete unicheeeee

    RispondiElimina
  10. bellissima ricetta ale, sono deliziose.
    e poi io amo più la tahine del cioccolato, quindi potrei convertirmi con una ricetta così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine del mese il tuo processo di conversione sarà a buon punto... :-)

      Elimina
  11. imprecisioni di traduzione a parte, secondo me questa ganache merita alla grande!!!e tu come sempre , cara ale, l'hai resa al meglio!!! foto come il libro ma forse meglio! ;-) si lo so, sono di parte ...baciiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita, merita... Sì, ma la forma ho dovuto dargliela con le mani...

      Elimina
  12. uguali precisi identici a quelli del libro! bravo paul e bravissima tu!!!
    l'abbinamento cioccolato-tahine mi incuriosisce... urge fare una prova!

    RispondiElimina
  13. non l'ho mai sentito il cioccolato dei caraibi, chissà che buono!


    nuova follower! bel blog..
    se ti va passa da me..
    www.alchemianblog.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie e benvenuta!
      Appena avrai l'occasione provalo -)
      A presto

      Elimina
  14. Goduriosi......questo libro promette molto bene Ale
    Mi sembrano dei mega gianduiotti manca solo l'assaggio
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria, hai ragione, ricordano dei mega gianduiotti. Mega, perché l'imprecisione della traduzione li ha resi tali...
      Buona giornata

      Elimina

I commenti sono sempre ben accetti, così come i consigli ma anche le critiche... quindi scrivete se ne avete voglia!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...