mercoledì 27 giugno 2012

Starbooks di Giugno terza e ultima parte... Moussaka


Siamo giunti al terzo e ultimo appuntamento con il magnifico libro di Vefa Alexiadou: "La cucina di Vefa". Io questo libro non lo abbandonerò più, ci sono troppe ricette che voglio provare ancora... quindi, mi farà compagnia ancora per tutta l'estate e oltre! 
L'ultimo appuntamento, abbiamo deciso di dedicarlo alla ricette tradizionali della cucina greca. E cosa c'è di più tradizionale del Moussaka? Il o la  Moussaka...? Dalle mie informazioni, in greco, la parola moussaka viene accompagnata dall'articolo neutro, che in italiano si dovrebbe tradurre con l'articolo al maschile. Spero che chi mi ha fornito le informazioni  lo abbia fatto bene :-), altrimenti fatemelo sapere! Comunque, che sia maschile o femminile, il Moussaka è un piatto buonissimo!!!
Questo piatto unico dà il suo meglio in estate, che è la stagione giusta delle melanzane, anche se, ormai, si trovano tutto l'anno sui banchi dei mercati. Io preferisco rispettare la stagionalità :-) 
Conservo dei bei ricordi legati a questo piatto, che mi preparava con maestria la mamma della mia carissima amica Eftichia :-)))
Lo Starbook vi saluta... vi aspettiamo tutte a Settembre, con Cristina che rientra nei ranghi e tante belle novità!!!!!

Le altre ragazze dello Starbooks hanno preparato per voi:
Patty di andante con gusto il Pollo in umido con ceci
Cristina B. di Vissi d'arte e di cucina l'Insalata paesana greca
e Ale e Dani di Menù Turistico gli Spaghetti con salsa di acciughe


Moussaka



Ingredienti per 6 persone

2 Kg di melanzane tagliate a fette (circa 5 mm di spessore)
120 ml di olio d'oliva (exv a me ne è servito di più)
1 cipolla grattugiata
2 spicchi d'aglio affettati (io li ho lasciati interi e li ho eliminati dopo la cottura)
500 g di manzo magro macinato
450 ml di passata di pomodoro, fresca o in conserva
¼ di cucchiaino di pimento*in polvere (detto anche pepe della Jamaica)
½ cucchiaino di zucchero
sale e pepe
1 albume leggermente sbattuto
5 cucchiai di prezzemolo fresco tritato finemente
burro, per imburrare
5 cucchiai di pangrattato
100 g di Kefalotiri o Parmigiano grattugiato
5 cucchiai di panna fresca
3 tuorli leggermente sbattuti
750 ml di salsa bianca leggera **

Salare leggermente le fette di melanzane, e farle spurgare per 1 ora circa in uno scolapasta. Sciacquare per eliminare il liquido in eccesso, e far asciugare (su carta assorbente da cucina). Scaldare metà dell'olio in una padella capiente, e rosolare (forse sarebbe meglio dire friggere...) le melanzane, a fuoco medio, per 6-8 minuti, girandole ogni tanto, finché saranno leggermente colorite su entrambi i lati. Togliere le melanzane con una padella per fritti, e farle scolare su carta assorbente. Io ho fritto le melanzane il giorno prima, perchè ricordo che così le prepara la mamma della mia amica Eftichia. Lei lo fa per far perdere più olio possibile alle melanzane... ed  io sono d'accordo! Scaldare l'olio rimanente in un casseruola (capiente) dal fondo spesso, e soffriggervi la cipolla e l'aglio a fuoco lento per 5 minuti, mescolando ogni tanto finché non si ammorbidiscono. Alzare la fiamma a fuoco medio, unire la carne e rosolarla per 10 minuti, mescolandola e sgranandola con un cucchiaio di legno. Unire il pomodoro, lo zucchero, il pimento (io non l'avevo e ho preparato un mix con cannella, chiodi di garofano, noce moscata e pepe - vedi sotto) ), e insaporire con sale e pepe. Abbassare la fiamma e lasciar sobbollire per 15-20 minuti, o finché il liquido sarà evaporato del tutto. Spegnere il fuoco e far raffreddare il sugo, poi unire l'albume e il prezzemolo. Priscaldare il forno a 200°C, ungere con il burro una teglia profonda di 25x35 cm, e spolverizzarla con 2 cucchiai di pangrattato. Creare strato sul fondo della teglia con metà delle melanzane, sovrapponendo appena le fette tra loro. Aggiungere uno strato di sugo di carne, spolverizzare con metà del formaggio e 2 cucchiai di pangrattato. Fare un altro strato con melanzane,
sugo e fomaggio. Vefa suggerisce che, a questo punto, è possibile congelare il piatto così preparato e coperto. Prima della cottura in forno, farlo scongelare completamente (in frigorifero aggiungo io). Amalgamare la panna e i tuorli alla salsa bianca, e versare uniformemente sopra il composto. Infornare per 50 minuti circa o finché il Moussaka non è ben dorato. Sfornare e far riposare per 15 minuti prima di servire.

**Salsa bianca leggera 


Ingredienti per 250 ml (moltiplicare per tre per il Moussaka)


250  ml di latte (intero e fresco)
15 g di burro
1 cucchaio di farina
un pizzico di noce moscata grattugiata
sale e pepe bianco (macinato al momento)

Per noi questa salsa è la besciamella, ma per la maggior parte dei cuochi greci, come spiega Vefa nell'introduzione alla ricetta, questa è la classica salsa bianca della nonna. Era già nota presso gli antichi Greci e Romani, che usavano probabilmente olio di oliva al posto del burro, e bulgur macinato o semola come addensante.
Portare a bollore il latte in un pentolino poi toglierlo dal fuoco. Sciogliere il burro in una casseruola antiaderente dal fondo spesso (per me non è indispensabile la casseruola antiaderente, viene benissimo anche in quella d'acciaio, sempre dal fondo spesso) ed unire la farina, mescolando spesso. Dopo 1 minuto,togliere dal fuoco ed unire il latte caldo, poco alla volta, mescolando continuamente con una frusta (se usate la casseruola antiaderente, dovrete usare la frusta per pentole antiaderenti), per ottenere una salsa liscia e priva di grumi. Se dovessero formarsi, Vefa suggerisce di filtrare tutto con un colino. Rimettere la salsa sul fuoco medio, e farla sobbollire, rimestando continuamente per 15 minuti, finché non si addensa. Fuori dal fuoco, insaporire con noce moscata, sale e pepe bianco. Si può aricchire con 1-2 tuorli o, per unsa salsa vellutata, unire 4 cucchiai di panna fresca.
Tempo di preparazione 5 minuti
Tempo di cottura 20 minuti

*Il pimento è' una spezia proveniente dalla Jamaica, che si può utilizzare sia in preparazioni dolci che salate. Ha la caratteristica di unire in una sola bacca, i sapori della cannella, dei chiodi di garofano, della noce moscata e del pepe.  Io, non avendola, ho fatto un mix delle tre spezie.

Tempo di preparazione 2 ore (compresi la spurgatura, il raffreddamento e il riposo)
Tempo di cottura 50 minuti

Nota: si possono sostituire la metà o tutte le melanzane, con patate o zucchine a fette. Nel primo caso, usare patate anche per foderare la teglia, in modo che assorbano il liquido di cottura.


Note personali. La quantità di melanzane è eccessiva per le dimensione della teglia indicate, per me, 1,5 kg sono sufficienti, mentre l'olio per rosolarle è scarso in quantità, 60 ml sono troppo pochi... Consiglio anche di aumentare la quantità di salsa leggera, per avere uno strato più spesso dopo la cottura. 


18 commenti:

  1. devo dirtelo: anche questo piatto mi fa venire una voglia di assaggiarlo incredibile... e poi mi diverte il fatto che l'"il" o il "la" incuriosisse anche te:-) Ora so come dovrò dire! Un abbraccio Ale e speriamo di vederci presto!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani, ci vedremo prestissimo, con mille chiacchiere...!

      Elimina
  2. questo piatto è la quintessenza della Grecia e poi è di un buono che più buono non si può!!! sei stata bravissima a cimentarti con questo classico ;)))
    lo sai che quando leggo le tue ricette imparo sempre qualcosa di nuovo? inserisci sempre tanti dettagli e consigli utilisssssssssimi!
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che l'ho sempre visto anch'io così? E' un piatto che mette tutti d'accordo, anche chi non ama le melanzane... (e non è il mio caso!) La prossima volta voglio farlo pià alto!

      Elimina
  3. la/il moussaka l'ho mangiata/o varie volte (bbbbona!) ma mai preparata/o, che dici, sarà l'ora che rimedi a questa grave mancanza?
    peraltro la tua/di vefa versione pare proprio buona ed equilibrata. terrolla presente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi proprio di sì Gaia! E poi è una ricetta gluten free, se si esclude il pangrattato o se ne mette uno gluten free ;-)

      Elimina
  4. io l'adoro!!!!! Mi piace da morire e potrei finire una teglia intera, però non l'ho mai fatta e la tua mi sembra perfetta! Me la segno! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely, potrei fare la stessa cosa anch'io :-)D

      Elimina
  5. io ho sempre detto IL moussaka e non mi sono mai chiesta se fosse giusto o sbagliato fino ad ora...beh...maschile o femminile che sia, è una bontà, la tua versione mi piace molto e la mia con il ragù di acciughe l'hai vista?
    ciao, a presto
    Cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che ho visto la tua versione, e mi ha incuriosito molto. Quasi quasi...
      Baci

      Elimina
  6. Ero passata ieri mattina ma non c'ero ancora ma stamattina questa meraviglia e' al suo posto e pronta ad incantare che deciderà di passare a trovarti. Ah che ricordi il Moussaka...in particolare una cena all'aperto in un ristoranti no della Plaka dove, se alzavo gli occhi, potevo vedere l'acropoli illuminata. Non sapevo se guardare nel piatto o il cielo...poi e' arrivata la mia porzione di Moussaka, alta e spessa come il libro di Vefa, e non ho piu avuto dubbi dove guardare...una meraviglia. Quello che adoro di questo piatto, e' la presenza delle spezie che lo rendono indimenticabile. La tua presentazione e' come sempre impeccabile e dettagliatissima. Che voglia di provarla. Ti abbraccio carissima. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Patty, io ho seri problemi d'approccio a blogger... Mi ero ritagliata il tempo necessario per essere puntuale (e la puntualità fa parte delle mia natura...), ma gli intoppi sono sempre dietro l'angolo :-( Avrei bisogno di un corso accelerato di programmazione...
      Avrei voluto ottenere una fetta di Moussaka con uno strato di besciamella più spesso, ma la quantità di salsa ottenuta non me l'ha permesso, ma la prossima volta... non sarà così!!!
      Un super abbraccio anche a te!

      Elimina
  7. Ciao!
    Partecipa al nostro contest online di Tigre: http://www.sorelleinpentola.com/2012/06/quel-buon-sapore.html

    RispondiElimina
  8. Ha davvero un bell'aspetto e sicuramente sarà anche buonissima. Proverò a farla sperando di non avvelenare nessuno :-)))
    Ho anche io un blog che sto cercando di far conoscere. Se ti va passa a farmi visita.
    Grazie.
    Francesca
    http://inmysweetkitchen.blogspot.it/

    RispondiElimina
  9. Ale, che sia al maschile o al femminile, questa tua versione di mussaka è davvero deliziosa e mi hai fatto venire una voglia di avere quel libro... un abbraccio stretto stretto e buona estate! Baci ^__^ Any

    RispondiElimina
  10. adoro la moussaka e la tua sembra deliziosa! bravissima! :D

    RispondiElimina
  11. Ciao,

    Vogliamo presentarLe il sito Ricercadiricette.it, dove gli utenti possono cercare tra oltre 62000 ricette che appartengono a siti web e blog in italiano specializzati in ricette di cucina. Inoltre abbiamo creato il Top blogs di ricette, dove può trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti, e dove Lei può anche aggiungere il Suo: http://www.ricercadiricette.it/top-blogs-di-ricette. Noi indicizziamo le sue ricette e gli utenti le potranno trovare usando il nostro motore di ricerca. E non deve preoccuparsi di nient’altro poiché tutto in Ricercadiricette.it è gratuito!

    Ricercadiricette.it ha diversi siti fratelli in Svezia, Brasile, Spagna, Francia, Germania, Stati Uniti e in tanti altri paesi. Vuole diventare un membro di questa grande famiglia?

    Ci può trovare anche su Facebook!

    Siamo a Sua disposizione!
    Andreu
    info@ricercadiricette.it

    RispondiElimina
  12. That can sharpen your page's relevance for those phrases, but there were many things that I was happy with. matt cutts is an important aspect of search engine results pages. Right away on their corporate website, and even the domain name. As they are faced with empty nests and changes of pace, many will decide to sell in order to compete in the business is an easy one. There are plenty of so-called experts online so beware. Acquiring a domain name such as www.

    Feel free to visit my blog ... class.mystudies.net

    RispondiElimina

I commenti sono sempre ben accetti, così come i consigli ma anche le critiche... quindi scrivete se ne avete voglia!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...