venerdì 14 dicembre 2012

"Capunti" al pesto di pomodori secchi

Era da tanto, troppo tempo che non pubblicavo una ricetta di pasta fresca... Io amo impastare e lo faccio con una certa frequenza, però, spesso non fotografo, soprattutto perchè mi dispiace far aspettare le "boccucce" affamate delle mia famiglia... Stavolta avevo un pò di tempo in più, così ho preparato tutto, e ho cotto una porzione prima, per poter fare le cose tranquillamente :-)
La ricetta di oggi l'ho trovata su Sale & Pepe di Novembre, dove c'è un articolo sulle paste pugliesi. Orecchiette e cavatelli, li ho provati più volte, ma dei Capunti non avevo proprio mai sentito parlare: ho rimediato subito! I Capunti, sono una specialità di Altamura, e come tutte le paste del Sud, sono preparate con semola di grano duro e acqua, senza uova. Ho scoperto che esiste un'asse speciale per la preparazione di queste paste, la "cavarola". Quest'asse, ha una parte laterale zigrinata, che serve per trascinare e dare la forma ai pezzetti di pasta, in modo da renderli più adatti ad accogliere il condimento scelto, che, nel mio caso, è stato un "Pesto ai pomodori secchi".
La ricetta di Sale & Pepe prevede di utilizzare semola di grano duro e semola rimacinata; io ho utilizzata solo quella rimacinata, perchè era l'unica che avevo in casa...



Ingredienti per 4-5 persone

per i Capunti
350 g di semola di grano duro
150 g si semola rimacinata
250 ml di acqua tiepida (30-35°)

per il Pesto di pomodori secchi
100 g di pomodori secchi al naturale (oppure un pò di meno di quelli secchi sott'olio,ben sgocciolati)40 g di mandorle
30 di Parmigiano grattugiato (o Pecorino)
80-100 ml di olio extravergine d'oliva
qualche cappero sotto sale
le foglioline di 2-3 rametti di timo (o origano)
qualche foglia di basilico fresco
sale q.b.

Per la pasta, fare una fontana con le due farine e versare nel centro l'acqua tiepida, poca per volta, iniziando ad impastare.  Aiutatevi con una spatola per raccogliere e staccare le briciole d'impasto. Continuare a lavorare l'impasto con il palmo delle mani finchè non sarà più appiccicoso. Pulire la spianatoia dai residui d'impasto e lavare le mani. Lavorare ancora l'impasto fino ad ottenere un composto omogeno, morbido e liscio, e formare una palla. Far riposare ben avvolto nella pellicola per alimenti o sotto una ciotola, per almeno 15 minuti (io aspetto almeno mezz'ora, ma se avete tempo lasciatelo anche un pò di più, sarà più mallelabile da lavorare dopo). Staccare un pezzetto di pasta alla volta e coprire l'altra per evitare che si secchi. Formare un rotolino dello spessore di circa ½ cm, e ricavare dei pezzi lunghi 3 cm circa. Appoggiare su ogni rotolino indice, medio e anulare, trascinandolo e incavandolo in tre punti. Proseguire fino all'esaurimento dell'impasto.
Se volete fare i Capunti a 8 dita, formare dei rotolini di 2-3 mm di spessore e 7-8 cm di lunghezza.
Appoggiare sopra indice, medio, anulare e mignolo di entrambe le mani, e procedere come per i Capunti a 3 dita. Trasferire su un canovaccio pulito fino alla cottura.
Per il Pesto di pomodori secchi, sciacquare sotto l'acqua corrente i pomodori e i capperi, poi sbollentarli per qualche minuto per ammorbidirli. Scolarli bene e farli asciugare e raffreddare su carta da cucina. Nel caso usiate i pomodori secchi sott'olio, non è necessario sbollentarli. Tostare per 3-4 minuti le mandorle in un padellino antiaderente, facendo attenzione a non farle bruciare, poi lasciarle raffreddare. Mettere tutti gli ingredienti del pesto in un mixer e tritare fino ad ottenere un composto ben amalgamato ma non troppo finemente. Il pesto che vi avanzerà, potrete conservarlo in frigorifero coperto d'olio per 10-15 giorni, oppure congelarlo negli appositi vasetti. Questo pesto si presta a diverse varianti. C'è chi aggiunge anche del pomodoro fresco, chi usa i pinoli, chi le noci, insomma, lasciatevi guidare anche dal vostro gusto personale!
Cuocere i Capunti in acqua bollente salata per 5-7 minuti, scolare, tenendo da parte un mestolino d'acqua per la mantecatura. Versare la pasta in un tegame ampio riscaldato, unire il pesto, l'acqua tenuta da parte (q.b.) e mantecare. Servire subito, cospargendo a piacere con altro Parmigiano grattugiato (o Pecorino). Piatto stupendo...
Buon appetito!

9 commenti:

  1. livinginmyhomeblogspot14 dicembre 2012 15:43

    Mamma mia devono essere una bontà,mi piacerebbe provare a farli,i miei "affamati" mi porterebbero in trionfo, (sempre se mi riescono come i tuoi).Complimenti . Proprio oggi ho fatto una delle tue ricette per i biscotti. buonissimi. Brava. A presto. Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piera, non sono difficili da preparare, e i miei hanno ampi margini di miglioramento... In compenso, ti danno tanta soddisfazione!
      Che biscotti hai preparato?
      Grazie e a presto

      Elimina
  2. Tre dita possono bastare.......per un primo assaggio!!;)))
    Tengo le altre 5 di riserva!!!
    Sai che i pomodori secchi sono il ricordo più bello che ho del mio matrimonio( intendo il 1°) palermitano?!!! Mai mangiato pomodori altrettanto squisiti, la mia ex ex suocera la sapeva davvero lunga, assolutamente indimenticabili, lei e soprattutto loro!

    Un abbraccio Ale, spero di rivederti presto in una trasferta ligure:))

    Fabi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabi!! Tu li faresti magnificamente anche con dieci dita :-)
      Quelli piu' buoni che ho mangiato, arrivavano proprio dalla Sicilia, da Pachino....ma senza suocera!!!
      Spero anch'io in una trasferta ligure molto presto...
      Un bacione

      Elimina
  3. Interessante questo formato di pasta, proprio adatto ad accogliere un sugo saporito. Sai che anche mia figlia e' in fase "pesto rosso"? Non sai quanto mi fa piacere vedere la mia ragazza appassionarsi cosi' tanto alla cucina.
    Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  4. Questa pasta non l'avevo mai vista, ma è davvero un formato troppo carino!!!! A dire il vero tutto il tuo blog è veramente bello, mi unisco subito ai tuoi lettori...
    Se ti va di vedere il mio http://architettandoincucina.blogspot.it/ ti aspetto! Un bacione e complimenti!

    RispondiElimina
  5. ... proverò a farla con le farine alternative... ma ti prometto che non userò quelle di legumi! ;)

    RispondiElimina
  6. Ciao,
    complimenti per le ricette e le splendide immagini,
    è nata una nuova community di food bloggers italiani, foodbloggermania.it
    Ci piacerebbe che anche tu entrassi a far parte.
    Se ti va di inserisci il tuo blog sul nostro portale e registrati a questo link
    http://foodbloggermania.it/aggiungi-blog
    Grazie Buon Anno a tutti

    RispondiElimina
  7. Belli i tuoi capunti Ale!! Anch'io non fotografo tutto per lo stesso motivo, aspettare di mangiare un piatto caldo non va bene :)))

    RispondiElimina

I commenti sono sempre ben accetti, così come i consigli ma anche le critiche... quindi scrivete se ne avete voglia!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...